HOME / iPhone: offerte smartphone / Il più grande avanzamento: iPhone 6, iPhone 6 Plus e Apple Watch

Il più grande avanzamento: iPhone 6, iPhone 6 Plus e Apple Watch

Il più grande avanzamento: iPhone 6, iPhone 6 Plus e Apple Watch

Storica svolta. «Il più grande avanzamento dell’iPhone » dice Tim Cook, l’erede di Steve Jobs, dal palco del Flint Center di Cupertino, California.

Eppure mai novità fu meno priva di sorprese.

Due nuovi smartphone, l’iPhone 6 e l’iPhone 6 Plus, come previsto.

Schermi più grandi – da 4,7 e 5,5 pollici rispettivamente – eppure profili più sottili che mai (solo 6,9 millimetri per la versione “small”), come previsto.

Display Retina ad alta risoluzione, batteria potenziata, nuovo processore necessario per gestire il sistema operativo iOS8.

Poi l’attesissimo Apple Watch – piuttosto bello a vedersi -, ancora come previsto.

E persino l’Apple Pay, che non è (attenti alla pronuncia da italiani) una torta alla frutta, ma il nuovo sistema di pagamento in mobilità, finalmente in Nfc, che nelle intenzioni trasformerà l’iPhone in un portafoglicarta di credito ipersicuro, grazie a un sensore touch e, quindi, alla lettura delle impronte digitali.

Gli accordi con Amex, Mastercard e Visa sono già firmati e negli Usa si comincia già a ottobre.

Certo, ci sarà modo, adesso, di approfondire la conoscenza dei nuovi iPhone, di apprezzarne le innovazioni: la solidità degli schermi (niente zaffiro e questo è uno dei pochi rumors trasformatisi in bufale) o l’affidabilità della fotocamera da 8 megapixel (basteranno?).

Il vero passo in avanti, però, sembra proprio l’ingresso nel campo della tecnologia indossabile.

«L’Apple Watch è il dispositivo più personale che sia mai stata creato» promette Cook.

Qui sì, c’è lo schermo in zaffiro, il cinturino è in acciaio, non c’è il Gps, ma si sfrutta quello dell’iPhone, mentre la ricarica è wireless a induzione (figata!).

L’Apple Watch gestisce l’Apple tv, funziona da walkie talkie e da obiettivo per il telefono.

Punta forte, però, sulla cura del corpo, su sport e salute («Sono molto importanti per me» dice Cook).

L’orologio sfrutta due app, Fitness e Workout e grazie a esse monitora i movimenti, misura le distanze, sceglie le attività da svolgere e fissa gli obiettivi da raggiungere. Nulla di non già visto (a dire il vero), ma vuoi mettere farlo con un Apple? Prezzi (al momento solo quelli americani) e uscite.

L’iPhone 6 arriva il 19 settembre in nove Paesi, ma non in Italia, dove bisognerà aspettare; è in tre versioni (da 16, 64 e 128 Gb), a partire da 199 dollari ma con abbonamento telefonico di due anni, mentre il Plus ne costerà 100 in più.

L’Apple Watch esordirà a inizio 2015 a 349 dollari, in due dimensioni e tre versioni.

A Wall Street il titolo è schizzato a 102 dollari, per poi tornare in parità.

Nel frattempo sul palco salivano gli U2 a presentare il nuovo album Songs of innocence: sarà precaricato su iPhone6 e gratis su iTune.

Voto
Ti è piaciuto?
[Voto medio: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *