HOME / Smartphone: problemi e soluzioni / Batterie smartphone: come farle durare più a lungo

Batterie smartphone: come farle durare più a lungo

Batterie smartphone: come farle durare più a lungo

Salve, credo ci sia bisogno dei vostri consigli per evitare errori nell’uso della batteria di cellulari smartphone.

Come farle durare di più ?

Grazie!

Giovanni D.

Risposta

Le batterie di cellulari smartphone usano ormai tutte la tecnologia a ioni di litio, che richiede accorgimenti diametralmente opposti a quelli che seguivamo anni fa con le batterie a nichel-cadmio.

Il concetto principale è che la batteria soffre ogni volta che si scarica completamente.

Cerchiamo quindi di ricaricarle ogni volta che possiamo.

Teniamo anche conto che una batteria guasta ormai ci costringe a portare il cellulare in assistenza, nella quasi totalità dei casi.

Solo pochi marchi (Samsung in testa), infatti, hanno batterie sostituibili.

Il problema in verità è più grave con i computer portatili.

In media una batteria in litio dura infatti 3-5 anni e solo pochissimi tengono un cellulare per più tempo.

Certo, ci sono batterie che si guastano subito, smettendo di funzionare del tutto oppure scaricandosi molto in fretta (caso tipico: si spegne il cellulare quando risulta ancora un 10-20 per cento di carica).

Tuttavia entro due anni possiamo comunque sfruttare la garanzia , cosa consigliatissima anche soltanto nel caso in cui la batteria cominci a perdere colpi.

I computer portatili, invece, tendiamo a tenerli per più anni, un po’ perchè di solito costano di più dei cellulari e un po’ perchè non evolvono cosi in fretta da giustificare una sostituzione frequente.

Un cellulare di tre anni fa adesso sembra preistorico, nel design e nella potenza, e magari non supporta più le nuove app disponibili.

Infine, i cellulari tengono a rompersi più facilmente, cadendo, poichè ce li portiamo in giro continuamente.

Non gli stessi problemi abbiamo con un computer portatile.

Tutelarne la batteria è utile, per evitare di doverla sostituire subito dopo i due anni della garanzia.

Ecco come: ricarichiamola quando arriva al 3 per cento circa, non facendola mai scaricare tutta.

Non a caso, molti laptop recenti si spengono in automatico quando il livello è vicino allo zero: proprio per evitare danni alla batteria e memorizzare in sicurezza la sessione di lavoro.

E’ particolarmente dannoso scaricare tutta la batteria quando questa è nuova.

Si consiglia, durante il prime mese di utilizzo, di fare cinque cicli di ricarica parziale (cioe usiamo il portatile per un’oretta, ricarichiamolo comoletamente, e ripetiamo per cinque volte in tutto).

E’ sbagliato anche non usare mai la batteria: equivale a tenere un’auto sempre in garage.

Usiamo il portatile scollegato dall’alimentazione almeno per un’oretta a settimana.

Voto
Ti è piaciuto?
[Voto medio: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *