HOME / Smartphone: problemi e soluzioni / Bloccare numeri indesiderati con Android

Bloccare numeri indesiderati con Android

Bloccare numeri indesiderati con Android

Buongiorno, mi chiedevi se esiste un’ applicazione di Android che consenta di bloccare in ricezione i numeri indesiderati. Grazie per il vostro servizio.

Francesco L.

Risposta

Gentile Francesco, le applicazione Android in grado di bloccare la ricezione dei numeri indesiderati sono molteplici….

Giusto per fare qualche nome,
Call Blocker, Mr. Number Text Call & Block, ecc ecc,

personalmente utilizzo l’app Sanity https://play.google.com/store/apps/details?id=cri.sanity

Voto
Ti è piaciuto?
[Voto medio: 0]

5 Commenti

  1. Ciao,
    prova con Blacklist,una volta lo usavo ed andava bene.
    Comunque se il tuo cell monta una rom cucinata potrebbe già avere a bordo una app del genere.

  2. Grazie Carlo, no il mio Samsung dual sim S6802 è ancora immacolato…debbo studiare ed approfondire la questione Rom cucinate

  3. Grazie, poi se qualcuno volesse indicarmi qualche link descrittivo sull’utilità delle Rom cucinate in modo che mi addentri in questo mondo, sarà benvenuto.

    Intanto ho installato Sanity ed ho risolto il problema

  4. Beh rootando il telefono ne assumi il pieno controllo: alcuni pgm (come firewall o pgm che si addentrano nei settaggi di Android) richiedono il root. Ma con il root non hai più gli aggiornamenti ufficiali, perché installi un’immagine diversa da quella ufficiale.

    Quindi te ne serve una “cucinata”: ci sono personalizzazioni più o meno spinte del S.o. (come la Cianogenmod); io, su consiglio del grande Sakuramboto ho messo la AOSP (Rigel), molto leggera e simile alla Google originale. Questo ti mette anche al riparo da cessazioni del supporto ufficiale da parte di Google, potendo installare sempre immagini fresche.

    prova a vedere qui se trovi qualcosa per il tuo Samsung, io ho un Gooogle Galaxy Nexus:

    h**p://www.clockworkmod.com/rommanager

    Cerca il modello di tel (se c’é) e poi clicca su download ROMS per vedere alcune di quelle disponibili. Ovviamnete prima occorre sbloccare il bootloader e poi installare una recovery modificata.
    Naturalmente, se il supporto dura e ti trovi bene con il sistema operativo originale, puoi anche tenerti quello!

  5. Le rom cucinate sono molto belle ma attenzione, devi trovare quella giusta, che smartphone hai ? Inoltre prima di addentrarti in queste cose devi cercare di capire bene quel che stati facendo (come per il Dream )

    Se sblocchi il telefono e non cambi recovery continuerai a ricevere gli aggiormaneti ufficiali inoltre potrai avere il pieno controllo del cellulare ed installare app che richiedono i diritti di root.
    Per quanto riguarda l’aggiornamento ufficiale della casa madre sono comunque molto scettico e dipende dal tipo di terminale che hai acquistato

    Purtroppo la politica della maggior parte della case è proprio quella di non lasciare passare gli aggiornamenti di mamma google oppure di ritardarli notevolmente (devono pur vendere nuovi telefoni, no ? )

    I dispositivi che godono di maggior vita sono i Google Pure (tutta la serie Nexus per intenderci)

    Io ho due Galaxy Nexus (uno con la Rigel, quindi con rom cucinata) e l’altro, quello di mio padre, con tutto originale… solo con root ma con recovery originale.

    Con la Rigel io ho subito ricevuto VIA OTA la nuova versione Android 4.2 (circa 3 giorni dopo il rilascio dei codici) mentre quello di mio padre ha ricevuto l’OTA ufficiale di google circa 15 giorno dopo…. meglio di così

    Se controlli in giro noterai che, ad eccezione della serie Nexus, ci sono ben pochi modelli che riceveranno l’aggiornamento ufficiale a al 4.2.

    E’ per questo che molti decidono di mettere le rom cucinate, per dare nuova vita a smarphone non più supportati ma anche, come nel mio caso, per avere dispositivi più performanti e con molte funzioni funzioni che non sarebbero disponibili con le app prese dal market .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *