HOME / Smartphone: problemi e soluzioni / Giornali e news con lo smartphone: rimanere informati gratis

Giornali e news con lo smartphone: rimanere informati gratis

Giornali e news con lo smartphone: rimanere informati gratis

Con la diffusione capillare di smartphone e tablet in tutto il mondo non è cambiato solo il modo di comunicare, ma anche la diffusione ed il metodo stesso di diffusione delle notizie.
Protagonisti indiscussi di questo cambiamento sono sicuramente i social network, divenuti uno dei veicoli essenziali per il diffondersi delle news.

Ma sono comunque molte le applicazioni dedicate alla lettura delle notizie nazionali ed internazionali: vediamo di districarci insieme in ciò che Android ha da offrire in proposito e di rendere il nostro dispositivo una finestra continua sugli eventi di tutto il mondo.

La digitalizzazione dell’informazione è un argomento che più volte abbiamo trattato: la disquisizione riguarda l’adattarsi alla conversione in formato digitale di libri, musica, programmi, giochi, applicazioni e riviste, dove adattarsi significa sacrificare la soddisfazione che l’utente prova ad avere tra le mani un qualcosa di fisico, sostituendolo con una manciata di byte.

Tale argomento riguarda da vicino anche il mondo delle notizie: se infatti fino a qualche tempo fa gli amanti delle notizie, o comunque tutti coloro che volevano rimanere informati su cosa accadeva nel loro paese e nel resto del mondo, si dirigevano tutte le mattine in edicola per acquistare il loro quotidiano preferito, con il diffondersi di smartphone e tablet tale abitudine potrebbe aver subito un cambiamento drastico.

Non è un segreto che con uno smartphone, anche low-cost, un piano dati anche tra i più economici ed un qualsivoglia browser, si ha la possibilità di rimanere aggiornati in tempo reale sui fatti cruciali provenienti da ogni angolo del mondo.

In tutto questo c’e un piccolo problema: i principali quotidiani italiani (e non solo ovviamente) hanno intravisto in ciò un ovvio ed effettivo calo delle vendite e ce ne possiamo rendere conto collegandoci, tramite il nostro smartphone, su un qualsivoglia sito web dedicato alle principali testate.

Per navigare nella versione mobile dei suddetti siti è infatti necessaria una sottoscrizione mensile che autorizza gli utenti a leggere gli articoli completi e gli approfondimenti.
Ovvio che è possibile sfruttare tali siti gratuitamente, dando solo un’occhiata rapida alla home per rimanere aggiornati sui fatti e nulla più.

Ovvio anche che, sfruttando ad esempio Chrome, il browser di Google, è possibile visualizzare la versione desktop di tali siti, che di fatto da accesso completo a tutti i contenuti ma ne sacrifica la facilità e la rapidità di utilizzo su dispositivi dotati di display più minuto.

Se quindi si è disposti a spendere cifre comunque esigue rispetto all’acquisto giornaliero di un quotidiano (si parla ad esempio di 2€ la settimana, ma la cosa varia da servizio a servizio), si puo usufruire in mobilità, e quindi in tutta comodità, dei servizi a pagamento offerti, ad esempio, da Repubblica, Il Corriere, La Gazzetta dello Sport.

Solo che queste applicazioni, o comunque la versione mobile dei siti dedicati alle testate, hanno due grandi difetti: il primo e che, per il pagamento, sfruttano il credito telefonico e non quello su carta di credito; il secondo e che, a detta anche degli utenti stessi, tale sistema va contro la definizione stessa di internet, ovvero un mezzo di comunicazione di massa che dovrebbe permettere la libera diffusione di contenuti.

Tale discussione potrebbe proseguire però per pagine e pagine: il nostro obbiettivo e quello di fornirvi dei mezzi alternativi che vi permettano di rimanere informati 24 ore su 24 in modo completamente gratuito!

Voto
Ti è piaciuto?
[Voto medio: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *