HOME / Top 10 app iPhone / WhatsApp a pagamento su iPhone

WhatsApp a pagamento su iPhone

WhatsApp a pagamento su iPhone

L’app WhatsApp a pagamento, o, meglio, sempre più a pagamento.
Ora anche su iPhone sarà attivato, entro il 2013 l’abbonamento annuale a un dollaro (circa 80 centesimi).

Ad annunciarlo l’a. d. della società, Jan Koum, in un’intervista ad un portale olandese.

Per i meno tecnologici, l’applicazione WhatsApp è quella che permette di inviare messaggi ai propri contatti, sfruttando solo la connessione a Internet.

L’abbonamento si applicherà ai nuovi utenti e sarà simile a quello già attivo per le applicazioni di WhatsApp su altre piattaforme come Android e BlackBerry (che pagano 0,79 centesimi dopo un anno di utilizzo).

Attualmente ai possessori di iPhone costa, invece, 0,89 centesimi, solo al momento del download.

La novità del «canone» spacca gli utenti.

E anche sul nostro account di Twitter questa divisione traspare dai commenti.

C’è chi non ha niente in contrario: «È giusto con tutto quello che ci fanno risparmiare. E poi gli sviluppatori lavorano». E chi invece non ci sta. «Ormai Internet offre applicazioni simili gratuite. Perché pagare?». Il tema è delicato e controverso.

La gratuità e la libertà su Internet si pagano, spesso, in termini di pubblicità, acquisizione di dati sensibili (come quelli delle rubriche) e con l’accettazione che i propri gusti vengano «radiografati ». Uno scambio,masenza moneta.

Resta il fatto che WhatsApp genera dei numeri «mostruosi » e migliorabili, usando magari anche i computer. Si calcola che i messaggi inviati ogni giorno con questo sistema, in tutto il mondo, siano 17 miliardi, mentre solo gli utilizzatori Android sono oltre 100 milioni.

Voto
Ti è piaciuto?
[Voto medio: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *